• deutsch
  • english

Trasparenza nei test: conoscere veramente il cliente

Quando si parla di ottimizzare le conversioni, ci si concentra spesso sulla creazione di varianti per i test e sul miglior modo possibile di posizionare gli elementi di un sito, dimenticandosi che i cambiamenti grafici rappresentano solo l’inizio del processo di ottimizzazione. Sono i test sul comportamento degli utenti a fornire informazioni su cosa funziona e cosa va migliorato.

I canali adv forniscono informazioni sulla fase del processo decisionale in cui si trova il cliente

I canali adv forniscono informazioni sulla fase del processo decisionale in cui si trova il cliente

Per prima cosa è necessario ottenere dei risultati del test validi, operazione non semplice perché molti fattori possono influire sulla performance delle varianti dei test e alterarne il risultato. A seconda della fase del Customer Journey in cui si trova, il cliente viene attratto da diverse iniziative promozionali su diversi canali adv. Attraverso i banner (canale Display) gli utenti notano per la prima volta un determinato prodotto. Attraverso i motori di ricerca (canale SEO e SEA) raccolgono maggiori informazioni o cercano un marchio in maniera mirata. Il canale adv attraverso il quale l’utente giunge a un sito web, può quindi essere un indicatore della fase del processo decisionale a cui è arrivato il cliente. Ecco perché non sorprende che le varianti dei test abbiano performance più o meno buone a seconda del canale. Per filtrare queste informazioni, mentre si analizzano le varianti dei test bisognerebbe considerare separatamente le singole fasi del processo d’acquisto.

Una segmentazione consente di riunire il gruppo target in gruppi omogenei, chiarendo quale è il comportamento reale del cliente di fronte alle iniziative promozionali o al sito. Utilizzando strumenti di ottimizzazione come Optimizely e Adobe Test&Target si possono definire facilmente i segmenti e analizzarli alla fine del test.

Di seguito qualche esempio di segmentazione suggerito dagli strumenti di ottimizzazione:

• Per visitatori ricorrenti e visitatori unici: opzione interessante relativamente all’ “acquisizione nuovi clienti”.
• Per giorni settimanali: il comportamento degli utenti cambia nei giorni lavorativi e durante il fine settimana.
• Per browser: se le varianti non vengono visualizzate correttamente in singoli browser.

Per un’ottimizzazione delle conversioni efficace nel tempo si consiglia quindi di differenziare i gruppi di utenti attraverso una segmentazione specifica. In modo da ottenere una visione complessiva chiara capace di fornire spiegazioni sul comportamento dei clienti e al tempo stesso di metterne in luce le esigenze.



Lascia un commento





I campi obbligatori sono contrassegnati (*)